Pages

Saturday, December 25, 2010

'retwitting' A tree ...



http://www.rexxed.com/2010/10/one-two-tree/

Related hyperlinks

http://en.wikipedia.org/wiki/Game_design

http://www.civilization.com/

Tuesday, November 23, 2010

Perché i Giovani non valorizzano più gli Anziani?

Dov'è finita l'Armonia tra Sapere e Potere ?
Perché i Giovani non valorizzano più gli Anziani?
[RE.: be able to do it VS how to make it in the best possible way ...]











http://www.repubblica.it/economia/2010/11/23/news/marchionne_usa-9433794/?ref=HREC1-7




















http://www.osservatoriosullascrittura.org/site/page.wplus?ID_COUNT=home&LN=1









http://www.terzaeta.comunicandoeventi.it/programma.asp

[Why it is missing the harmony between knowledge and power?
Why young people do not emphasize more the elderly?
]

Wednesday, November 17, 2010

CHIRURGIA ROBOTICA a Chicago, Illinois (USA)









Robotic surgery makes Dr Giulianotti think about art




by Joyce Lee

CHICAGO, July 17 (Xinhua) -- Dr. Pier Cristoforo Giulianotti has completed more than 1,000 successful major procedures without laying a finger on a patient. Using hand controllers, foot pedals, and 3-D visualization, he performs complex surgeries sitting just a few meters away from the operating table.

It happens that the sophisticated surgical system, consisting of three to four robotic arms and a remote console, is nicknamed after one of the Italian surgeon's most famous hometown visionaries -- Leonardo da Vinci.

"At the beginning, even I did not understand the revolution behind robotics because I was appreciating only the aspects of mechanical improvements," said Dr. Giulianotti, chief of the Division of General, Minimally Invasive and Robotic Surgery at the University of Illinois-Chicago. "But actually, in robotics there is a charming revolution I can summarize paradoxically: You are modifying reality using virtuality. You are using a virtual environment to interact with reality; the only limit is your mind. "

[...]
http://www.clinicalrobotics.com/
[...]
2009
First Fully Robotic Kidney Transplant

[...]

http://events.linkedin.com/Clinical-Robotic-Surgery-Association-2nd/pub/319117

Wednesday, November 10, 2010

(RTW) - "3 Ways To Get iPads in Your Classroom"

3 Ways To Get iPads in Your Classroom

http://www.k12mobilelearning.com/?p=1111

3 Ways To Get iPads in Your Classroom

How can you get a classroom set of iPads in your classroom?

Although there are many options available, below are three methods that have succeeded in the past for educators who have sought to integrate new technology in their classrooms. Keep in mind that these methods don’t only apply to receiving iPads. They can be used to receive any type of desired technology; however, iPads are hot right now, and for good reasons.

If you’ve had success with other methods, please leave your ideas in the comments section at the end of this post.

Method 1: Create a Classroom Project at DonorsChoose.org

Public school teachers across America can post classroom requests on DonorsChoose.org. People from all walks of life can browse the directory of projects and may freely determine to fund a project. Typically, the projects that receive the most funding are the ones that are inspirational.

That being considered, you probably won’t receive funding for a classroom set of iPads by writing “I want iPads because they are cool and they can do neat things.” How can you appeal to the hearts of donors? This isn’t encouragement to be manipulative, but rather to make sure you express your intents with clarity.

Method 2: Submit Grant Proposals

Grant money is in circulation for projects like these; unfortunately, that funding is limited. Priorities for submitting grant proposals should be (1) meeting deadlines, (2) meeting grant criteria, and (3) ensuring quality submissions. The following links provide a directory of technology grants available to K-12 teachers:

As mentioned above, your grant proposals need to look good in order to be a considered recipient. Grant writing isn’t easy; fortunately, there’s help available. The following links will help you create the best grant application possible:

Method 3: Visit with Your Technology Coordinator About Budgeting for iPads

As it is in most facets in life, success hinges on positive relationships. What’s the status of the “relationship bank account” you share with your technology coordinator? Are you continually making deposits, or is the bank account overdrawn? Here is some recommended reading that will help ensure you’re making consistent deposits and not writing hot checks:

Certainly, the aforementioned methods aren’t just limited to receiving iPads, and there are definitely other options available for receiving technology in your classroom. However, these methods seem to have garnered success for educators seeking to fund technology projects in their classroom.

What other methods are you aware of? Feel free to leave your comments and questions below.

Thanks to Salvatore Vuono @ FreeDigitalPhotos.net for this post’s featured image.

Johnny Kissko
Follow Me On Twitter

If you’ve enjoyed the above article, I invite you to subscribe to K–12 Mobile Learning (for free, of course) or receive content through the FeedBurner RSS feed.

Related Posts:
[...]
...
http://www.k12mobilelearning.com/?p=1157

Wednesday, October 27, 2010

Nicholas Negroponte (The Colbert Report)


Nicholas Negroponte wants to give laptop computers to children
in third-world countries so they can communicate with the rest of the world.


Monday, October 25, 2010

http://www.colbertnation.com/the-colbert-report-videos/363111/october-25-2010/nicholas-negroponte?xrs=share_fb

Sunday, September 12, 2010

Ars Electronica 2010 - Linz


Friday, July 23, 2010

Un modo facile e veloce per costruire siti Web.

WEBMATRIX












File Name: wpilauncher.exe

Version: 3.0 Beta

Date Published: June 30th, 2010

Languages: English

Download Size: 1 MB

Support Operating Systems: Windows 7, Windows Vista SP1+, Windows XP SP3+, Windows Server 2003 SP2+, Windows Server 2008, Windows Server 2008 R2.

An Internet Connection is required

You must have administrator privileges on your computer to run the Web Platform Installer.

Wednesday, June 30, 2010

Cos'è la Posta Certificata

Attraverso la PostaCertificat@ ogni cittadino può dialogare in modalità sicura e certificata con la Pubblica Amministrazione comodamente da casa o con qualsiasi dispositivo in grado di connettersi ad internet senza recarsi presso gli Uffici della PA per:

  • richiedere/inviare informazioni alle Pubbliche Amministrazioni
  • inviare Istanze/documentazione alle Pubbliche Amministrazioni
  • ricevere documenti, informazioni, comunicazioni dalle Pubbliche Amministrazioni

Le Pubbliche Amministrazioni con cui il cittadino può dialogare sono disponibili nell'indirizzario delle PA attualmente in fase di progressivo completamento.

Il servizio PostaCertificat@:

  • fornisce tutte le garanzie di una posta elettronica certificata
  • permette di dare ad un messaggio di posta elettronica la piena validità legale nei casi previsti dalla normativa
  • garantisce data e ora riferiti all'accettazione e alla consegna del messaggio e l'integrità del contenuto trasmesso

La PostaCertificat@ garantisce un canale di comunicazione chiuso ed esclusivo tra Pubblica Amministrazione e Cittadino, non sono, infatti, previste comunicazioni al di fuori di tale canale, ad esempio tra Cittadino e Cittadino.

Le caselle PostaCertificat@ attivate dalla Pubblica Amministrazione per i propri dipendenti (in qualità di Cittadini) sono del tutto equivalenti alle caselle PostaCertificat@ per il Cittadino.


Friday, June 25, 2010

L' Hotel del RICICLO a Roma

L'artista tedesco HA Schult ha ideato e progettato un albergo costruito con rifiuti, parte dei quali raccolti da alcune spiagge europee. Durante la settimana della Giornata Internazionale della Terra (5 giugno 2010), la birra Corona Extra lancia un'originale campagna che prevede, come evento principale, la realizzazione di un albergo costruito con rifiuti che sarà installato a Roma. L'hotel è ideato e progettato dall'artista tedesco HA Schult, uno dei maggiori esponenti della scena artistica mondiale e tra i primi ad affrontare il tema degli squilibri ecologici. Questa installazione è parte di Corona Save the Beach (www.coronasavethebeach.org), un progetto innovativo creato nel 2008 proprio per promuovere la salvaguardia e il recupero delle spiagge. L'hotel rappresenta ciò che potrebbe succedere alle nostre spiagge se continueremo a non rispettarle. Il progetto sarà sostenuto da una famosa star hollywoodiana attenta ai problemi ambientali.
Il Corona Save the Beach Hotel sarà 'aperto' dal 3 al 6 di giugno 2010 e verrà costruito con rifiuti, parte dei quali saranno raccolti su alcune spiagge europee. È una costruzione di due piani che sarà in grado di ospitare fino a 10 persone a notte. Chiunque sia attento alle tematiche ambientali, e desideroso di prendere parte a questa esperienza straordinaria, potrà farlo, spiegando le intenzioni che lo portano a voler dormire all'interno dell'hotel e partecipando così ad una serie di concorsi organizzati attraverso il sito web di Corona Save the Beach (www.coronasavethebeach.org) e la fan page di Facebook e vincere una notte in un hotel unico al mondo.
La costruzione dell'hotel segna l'avvio della call to action - un vero e proprio invito a tutti i cittadini europei ad agire per la difesa delle loro spiagge: chiunque potrà segnalare le spiagge più degradate e che necessitano di un intervento di 'salvataggio'. Per tutta l'estate sarà possibile votare sul sito del progetto e la spiaggia più votata verrà poi ripulita e recuperata da Corona Extra. L'anno scorso, nel luglio 2009, Capocotta ( vicino Roma), è stata "salvata" con grande successo.
Corona Extra ha scelto l'artista tedeso HA Schult (Berlino, 1939, www.haschult.de) per il progetto Corona Save the Beach Hotel. HA Schult è conosciuto in particolare per Trash Men, gigantesca installazione con mille sculture a sembianze umane, costruite utilizzando rifiuti e materiali di scarto non organico. Queste sculture sono state installate in luoghi-simbolo come la Grande Muraglia Cinese, le Piramidi di Giza e la Piazza Rossa a Mosca.

Schult è considerato un artista pioniere nella promozione della consapevolezza ecologica. Sin dal 1960, lavora alla produzione di opere d'arte che prevedono l'utilizzo di rifiuti e materiale di riciclo. Attualmente, l'artista sta già lavorando all'ideazione del Corona Save the Beach Hotel nel suo atelier di Colonia, in Germania.
"L'importanza di questo progetto è racchiusa in ciò che l'hotel simboleggia: i danni che produciamo ai nostri mari e alle nostre coste; internamente e esternamente l'hotel non avrà un 'look' particolarmente glamour, non avrà né acqua né elettricità, e nessun confort; questo hotel rispecchierà esattamente quello che potrà succedere se non prestiamo attenzione al nostro pianeta.
Viviamo in un epoca di enorme produzione di rifiuti, produciamo tonnellate di spazzatura e questo è ciò in cui rischiamo di trasformarci. E' veramente questo quel che vogliamo per la nostra Terra?", chiede Schult.

Corona Save the Beach (www.coronasavethebeach.org) è un progetto nato per sensibilizzare il buon mantenimento e rispetto delle spiagge e del patrimonio marino. L'iniziativa è stata proposta dalla birra Corona Extra, che considera da sempre le spiagge come un luogo naturale e prezioso che va salvaguardato. Per questo la compagnia si è impegnata a recuperare almeno una spiaggia europea all'anno. Collabora a questo progetto anche la Foundation for Environmental Education (FEE), insieme con il Programma Bandiera Blu per la protezione e il miglioramento dei mari e delle coste. L'anno scorso, Corona Save the Beach ha lanciato un'inchiesta a livello europeo per identificare le abitudini sulle spiagge. Da questo studio è emerso che i rifiuti abbandonati sono la maggiore fonte di inquinamento delle nostre spiagge.

Saturday, May 22, 2010

La 1° cellula artificiale di Craig Venter ( (synthetic biologist)

Il Venti Maggio 2010 La Prima Cellula Artificiale Inizia a "Vivere"




La figura di riferimento: Craig Venter

http://en.wikipedia.org/wiki/Craig_Venter




Un commento autorevole (Mons. Rino Fisichella: Università Lateranense di Roma).






La nostra (italiana) pietra miliare nella storia della Genetica:
il prof. Renato Dulbecco [* premio Nobel per la medicina nel 1975]
Curiosità:
il prof. Dulbecco a Sanremo (1999)


Sunday, April 11, 2010

Gita didattica alla centrale di Sermide: ripassiamo ?






TermoElettrica / a CicloCombinato / a Gas naturale

La centrale di Sermide
http://www.edipower.it/centrale_di_sermide.htm

Via Cristoforo Colombo, 2
46028 Moglia di Sermide (Mantova)
Telefono: 0386 292311
Fax: 06 64255118
E-mail: centrale.sermide@edipower.it
Impianto certificato ISO 14001 dal 2002
e registrato EMAS dal 2002 (rinnovato nel 2005)

Situata sulla sonda destra del fiume Po, nel territorio compreso tra i Comuni di Sermide e Carbonara Po, la centrale dista circa 40 km dalla città di Mantova. Attualmente l'impianto, la cui potenza lorda installata è di 1.154 MW, è un ciclo combinato, composto da due sezioni (moduli) di circa 380 e 770 MW, che è alimentato esclusivamente dagas naturale.










Saturday, April 10, 2010

Un "parco agroalimentare" PER IL FUTURO !!!

Burelli Romano Augusto, Le terre dei patriarchi.

cover-Burelli-pic.jpg

Diseppellire il passato ed operare per il futuro del parco agroalimentare di San Daniele, 2010, pp. 85, Isbn 9788857500805, Euro 12,00



Che cos’è un Parco Agroalimentare? Può divenire un marchio estetico così come è avvenuto per “le terre del Chianti” o per le “Cinque Terre”? Come diseppellire il passato per scoprire il mito delle origini dei suoi prodotti? Come istituire un lavoro comune che arresti la graduale distruzione del territorio agricolo del Parco e quindi della sua bellezza? Questo testo cerca di rispondere a tali interrogativi.



AUGUSTO ROMANO BURELLI

Professore Ordinario di Composizione architettonica, insegna dal 1970 presso l’Istituto Universitario di Architettura a Venezia. Attualmente è presidente del Corso di Laurea in architettura dell’Università di Udine.

Si occupa di progettazione architettonica e urbana con uno specifico interesse alla cultura architettonica della città, delle tradizioni insediative, della loro struttura morfologica e tipologica. Per tali studi è stato invitato dal 1991 a Berlino ed a Potsdam, impegnandosi nella loro ricostruzione critica. È stato responsabile del progetto della Piazza della Stazione di Heidelberg e della riforma funzionale ed architettonica del castello della città.

Ha pubblicato libri ed articoli sui rapporti tra l’architettura e le sue origini; tra l’architettura ed il suo insegnamento, con vari saggi su Choisy, Schinkel e Semper; tra l’architettura ed i suoi codici tipologici come la moschea di Sinan ed il teatro wagneriano di Bayreuth.

Esercita attività professionale a Udine ed a Berlino. Tra le sue opere di architettura realizzate in Friuli vi sono case di abitazione, municipi, chiese, edifici per l’Università; a Potsdam: edifici d’abitazione, il centro evangelico nel quartiere di Kirchsteigfeld, l’Heiligegeistkirche, ville urbane nella Berliner Vorstadt, un edificio all’incrocio tra l’Unter den Linden e la Friedrichstrasse a Berlino. Vive e lavora a Udine, Berlino.



LILIANA CARGNELUTTI

Laureata in Lettere presso la Facoltà di lettere e filosofia dell’Università di Trieste, ha collaborato con la Soprintendenza Archivistica per il FVG - Ministero per i Beni e le Attività Culturali occupandosi di archivi pubblici e privati. Si è dedicata alla pubblicazione di fonti storiche, ha curato edizioni critiche, in particolare l’archivio antico del Comune di Udine (dal Trecento al Settecento), i diari di Giovanni da Udine, l’epistolario tra Antonio Zanon e Fabio Asquini nel clima dell’illuminismo europeo. Ha una produzione libraria e saggistica (anche in collaborazione) in cui ha dimostrato particolare interesse a vicende istituzionali di area friulana e veneta dal tardo medioevo all’età moderna, trattando l’Ospedale di Santa Maria della Misericordia di Udine, il Monte di Pietà di Udine (di cui ha anche riordinato l’archivio storico), i problemi dei rapporti tra centro e periferia nella Udine di età tardo-medievale e moderna (I borghi e la città), il Parlamento friulano, i problemi del contratto matrimoniale nel Friuli di antico regime con attenzione per la condizione femminile. Ha partecipato a convegni nazionali e internazionali, ha collaborato a cataloghi di mostre storiche e artistiche.



GILBERTO GANZER

Direttore dei Civici Musei di Pordenone, si è interessato nel tempo della cultura materiale e del territorio con le mostresull’oreficeria tra Ausburg e Venezia, su Jacopo Linusso, Andrea Galvani e i rapporti tra industria, arte e collezionismo neisecoli XVIII - XIX. Le ricerche sui rapporti tra Friuli, Venezia e l’Oltralpe si sono concretizzate nelle mostre: “Imperatorie condottieri”, “Opere d’arte di Venezia in Friuli”, “Odorico da Pordenone - dalle rive del Nocello al trono del Drago”, “Gliincontri e scontri con il mondo musulmano: da Vienna a Istambul”. Per quanto riguarda le specifiche monografichestoriche va ricordata la mostra, e catalogo, su Michelangelo Grigoletti, sulle sculture lignee medioevali e rinascimentali:le sculture raccontano, sui parametri scari e la tradizione tessile. Inotre, la costante ricerca sul gusto e il clima culturale nei secoli XVIII - XIX con le manifestazioni sulla committenza Manin e Dolfin. Per l’arte contemporanea, i lavori per Afro e Dino Basaldella, per Corrado Cagli, per Harry Bertoia e il design del novecento, toccando varie figure del mondo artistico moderno e contemporaneo.



ANDREA POZZATELLO

Dottorando in progettazione architettonica e urbana presso la Facoltà di Ingegneria di Udine, laureato in architettura all’Università IUAV di Venezia nell’anno 2008.

Monday, March 8, 2010

Parla come navighi, a c. di Mario Gerosa

Students need to access the basic skills required to use technology ...

http://ow.ly/1fRtZ

[...]

It is no wonder, then, that Dolors Reig writes that one of the most important tasks of educators is to extend and enlarge participation in new media and in these online communities. [23] Students need to access the basic skills required to use technology, and to take advantage of online services to extend their participation into the wider community. New technologies allow them to reach into these networks independently of any institutional constraints. And they create the possibility of new forms of participation – of blogs and Twitter posts, for example – beyond the more traditional modes of conference presentations and academic papers. And it will be the responsibility, not only of educators, but of professionals in those communities, to embrace this new reach. “Things as important as the power of minorities, the long tail, the diversity and opportunity for innovation, growth and not as a threat, depend on it.”[...]

Sunday, March 7, 2010

Friday, February 26, 2010

Friday, February 19, 2010

Friday, February 5, 2010

Mia libreria

Followers

Blog Archive

My site is worth